Gruppo Archeologico XAIPE Via Antonino Lo Presti, 35 91018 Salemi (TP) Infoline: 338.64.32.177
Web: www.xaipe.it                              Mail: info@xaipe.it
seguici su
Home Chi siamo Info Eventi Contatti
La Fornace Santangelo Appartenuta alla famiglia Santangelo la struttura, stazzuni nel dialetto locale, fu utilizzata, fin dal XIX secolo, per la produzione di laterizi (tegole, coppi, mattoni, grondaie….) e manufatti in argilla, come pentole, piatti ed i fiaschi cosiddetti “ciaschi” per i quali Salemi era rinomata in tutta la Valle del Belice. La struttura č composta da tre complessi edilizi: la fornace vera e propria, un magazzino per la lavorazione dell’argilla e l’abitazione della famiglia Santangelo. La fornace, conserva ancora la sua forma originaria, č costituita da una camera di cottura cilindrica con fumaiolo innestato in una cappa a cupola ed č divisa in tre parti orizzontali. Procedendo dal basso verso l’alto, si trova: il vano interrato di alimentazione “arsu”che da accesso al focolare “vanufocu”, a pianta circolare e tetto a volta, separato dalla camera di cottura “furnu”, da un piano forato “ddammusu”. Infine la cappa “cubbulina” terminante con la canna fumaria”ciminia”. Attiguo alla fornace vi č un magazzino con il locale “pagliaglia” dove il ceramista plasmava la ceramica ed alimentava il forno. Infine addossato al magazzino la casa della famiglia Santangelo, costruita su due elevazioni. Oggi i locali della fornace ospitano una mostra dal titolo“ 10 anni di scavi archeologici nel territorio di Salemi” dove sono illustrati attraverso pannelli esplicativi tutte le ricerche archeologiche effettuati negli ultimi anni a Monte Polizo, a San Miceli e nel preistorico di c/da Mokarta.